Trieste: cosa non perdersi in un weekend



Trieste è sicuramente la città del Friuli Venezia Giulia che richiama più turisti in assoluto, sia per le bellezze artistiche che racchiude al suo interno, sia per la sua posizione di confine che invoglia a visitarla magari sulla strada di ritorno da una bella vacanza in Slovenia o in Croazia. Noi, invece, non essendo periodo estivo, abbiamo approfittato per visitarla durante un bel weekend caldo di aprile, e secondo me un paio di giorni è proprio la misura di tempo giusta da dedicare a questa città.
Di seguito proverò ad illustrarvi quello che ho visitato io in questi due giorni e che consiglio di non perdervi, oltre ai suoi due castelli di Duino e Miramare a cui ho già dedicato un post a parte visto la loro bellezza!
Pronti a seguirmi per le strade di Trieste??? Allora partiamo!
La prima tappa del nostro giro è stato il Faro della Vittoria: questo monumento domina tutta la città di Trieste con i suoi 70 metri di altezza. Inaugurato nel 1927, ha una doppia funzione: oltre a fungere da guida alla navigazione notturna nel Golfo di Trieste, è anche un monumento commemorativo dedicato ai marinai caduti durante la Prima Guerra Mondiale.
Essendo un po' fuori dal centro, l'abbiamo raggiunto in macchina e abbiamo proseguito la salita a piedi fino alla sua entrata; purtroppo non si può visitare all'interno, però ci si può consolare lasciando spaziare lo sguardo sul panorama di Trieste.



Statua in rame della Vittoria Alata all'apice della cupola 



Dopo aver visitato il Faro della Vittoria abbiamo abbandonato la macchina e abbiamo iniziato a spostarci a piedi, non facendoci mancare subito un bel tratto in salita! Una vera faticaccia! Abbiamo infatti percorso la Scala dei Giganti per salire sul colle di San Giusto, dal quale si domina dall'alto l'intera città di Trieste.

Fontana in cima alla Scala dei Giganti


Sul piazzale di San Giusto si possono ammirare vari monumenti degni di nota, tra cui il Monumento ai Caduti, vari reperti storici di epoca romana, nonchè il celebre Castello e la bella Cattedrale, considerata il principale edificio religioso cattolico della città.

Monumento ai Caduti

Castello di San Giusto

Cattedrale di San Giusto


L'interno della Cattedrale è interessante soprattutto per i bei mosaici con i quali sono decorate le sue absidi.







Scendendo poi dal colle di San Giusto e tornando verso il centro della città, si possono vedere l'Arco di Riccardo e il Teatro romano, ancora oggi utilizzato saltuariamente per spettacoli estivi all'aperto.

Arco di Riccardo

Teatro romano


Siamo poi arrivati al centro vero e proprio della città, nella celebre piazza che da sola varrebbe l'intero viaggio a Trieste, ovvero Piazza Unità d'Italia. Questa piazza, grandissima e spaziosa, è circondata su tre lati da palazzi ed edifici pubblici, mentre sul quarto lato si affaccia direttamente sul mare attraverso il Molo Audace. Non per niente ai triestini piace vantarsi che sia la più grande piazza affacciata sul mare in Europa...avranno ragione o saranno guidati da un sano patriottismo? Si accettano opinioni!
Municipio


Palazzo sede della Regione


Prefettura



Proprio davanti al Municipio sorge l'altissima Fontana dei Quattro Continenti, costruita tra il 1751 e il 1754, le cui quattro statue simboleggiano i quattro continenti allora conosciuti, ovvero Europa, Asia, Africa ed America.
Bellissima nel suo complesso, mi ha impressionato soprattutto la figura centrale che rappresenta il Nilo con il volto velato...il velo sembra proprio vero!

Fontana dei Quattro Continenti

Rappresentazione del Nilo con il volto velato

Figura femminile alata rappresentante Trieste

Pili portabandiera


Statue bronzee sul Molo Audace

Piazza Unità D'Italia vista dal Molo


Dopo esserci assaporati questa bellissima piazza senza fretta, ci siamo spostati in un quartiere vicino, il Borgo Teresiano, che si sviluppa principalmente intorno al Canal Grande. Anche qui ci si può perdere tra maestosi palazzi, fontane e chiese dedicate alle più svariate religioni.

Piazza Vittorio Veneto




Chiesa greco ortodossa

Interno chiesa greco ortodossa


Canal Grande
Palazzo Gopcevich

Palazzo del Tergesteo




Statua dedicata a James Joyce

Chiesa di Sant'Antonio

Tempio serbo ortodosso


Trieste non è sicuramente una città grandissima e i suoi punti di maggior interesse si visitano comodamente a piedi senza impiegarci troppo tempo. Tuttavia, il giro non può dirsi completo se con la macchina non si esce dal centro per visitare i suoi due meravigliosi castelli, ovvero il castello di Duino ( per il post più approfondito clicca qui)



e il castello di Miramare (per il post più approfondito clicca qui).



E poi, proprio per non farci mancare niente, non potevamo farci di certo scappare una passeggiata nella magica Trieste By Night!











Etichette: ,